Uncategorized

Punto luce.

Io sono certa che vi sia ancora qualcosa di vivo in me, e il dolore che provo nel venire per l’ennesima volta scartata e messa da parte me ne è testimone. Io voglio che oltre a questo dolore possa tornare la mia persona, la mia voglia di scrivere, la mia voglia di far ridere, la mia voglia di creare, di pensare, di fare. La paura, la malattia, il dolore cronico, gli abusi, i traumi, le delusioni, non possono avermi davvero uccisa. Io sono certa che ci sia qualcosa ma non so più come farlo uscire. Io non ne sono veramente certa, ma in questo istante sento che qualcosa c’è. Ma sono certa che da sola non riuscirò a fare altro che lasciarmi andare. Vorrei avere ogni giorno la sfacciataggine e l’ostinazione di chi chiede aiuto fino a che non gli viene adeguatamente dato, vorrei sapermi prendere quello che davvero dovrebbe spettarmi, perché chiunque se lo porta addosso con naturalezza mentre a me, a chiederlo, quasi sembra di rubare.

Standard
Uncategorized

Tertium non datur – cap. ciclico

Sto male, male, male e stavolta non è il mio corpo a essere dolorante.
Agosto è un’angosciosa prospettiva di deserto.
Mi si parano innanzi due alternative:
il tormento – con relative cazzate, decisioni azzardate seguite da rimorsi rimpianti e rimuginamenti ossessivi che fanno aspirare a lobotomie frontali –
e l’anestesia totale, che probabilmente potrei tornare ad avere prendendo solo una capsuletta in più appena sveglia, con relativa morte cerebrale.
Tutta la vita riassunta in questo dilemma:
“Meglio giornate inerti o dei capelli verdi?”

Alla lunga, nessuna delle due è umanamente sopportabile, se non sapendo che in qualche modo, se lo si decide, si può sempre tornare all’altra.
somedaysifeel

Standard
Uncategorized

No.

La vita è semplicemente una questione di fortuna, una cosa non per tutti, niente di più che una pesca random, una roulette, una cosa a caso. Del tipo, se la notte non dormi e ti alzi e tuo padre sta male e tua madre sta male e non conosci nessuno e passerai la giornata in casa e c’è chi ti invita ma non capisce che non ti puoi muovere, che devi conservare le energie, e non ti va certo di metterti a spiegarglielo, non tanto perché non capirebbe quanto perché tu stessa, ormai abituata a essere sminuita, ti sminuiresti da sola e non riusciresti a farglielo capire. Allora la vita non può che avere accezioni negative, soprattutto se poi vedi chi non conosce nulla di tutto ciò, e ti guarda come se tutto ciò che dici fosse una fandonia, qualcosa che esiste solo nella scatola della tua testa, che poi probabilmente proprio così è, che cosa altro conta se non quello che è chiuso nella scatola della nostra testa. Lasciatemi perdere, non funziono.

Standard
Uncategorized

“E anche se fossero solo parole qualcuno c’è che sta parlando. (Se guardi dentro l’abisso, il sommerso è riemerso.)”

Io insomma cerco di ricordare come, quando, perché è successo tutto questo. Che cazzo ho fatto? Come sono finita qui dentro? Avete presente quando tutto vi torna chiaro in un attimo, che tutto quello che state vivendo è tempo, vuoto, buttato, stracciato, riempito per non sentirlo. Tempo. Mamma mia, i brividi. Una vita tamponata con l’ovatta invece che vissuta. Ma quand’è che è successo? Perché lo posso immaginare, come, suppongo gradualmente, scivolando piano piano, senza che me ne accorgessi veramente. A volte mi accorgevo, sì, alzavo la testa, ma poi mi ricordavo perché lo stavo facendo, che cosa c’era, sopra, in superficie, da cui stavo cercando di prendere le distanze, e allora pensavo che sì, è vero, stavo perdendo tutto, ma non c’era altra scelta. Invece era il contrario, era a stare in superficie che non c’era altra scelta, non ad affondare.  Che poi in realtà sono entrambe alternative valide e dipende tutto dal punto di vista da cui ti vuoi mettere. Meglio giornate inerti o dei capelli verdi?
Non fuggire né galleggiare: ci dev’essere un modo altro.

 

Standard
Uncategorized

Tanti auguri a te.

Sono andata a rovistare tra le nostre conversazioni per controllare il giorno esatto del tuo compleanno, che ricordavo ricorrere in questi giorni. E sì, lo ricordavo proprio giusto, che strano, non ho una buona memoria e quel giorno ti ho solo mandato gli auguri ed è successo una volta sola. Ma per arrivare a quel giorno ho dovuto scorrere tutte le conversazioni e così mi è passato sotto gli occhi tutto, e prima ho sorriso, poi ho pianto, poi ho pensato che eri un cazzo di psicopatico che mi faceva questioni enormi per stronzate, poi che eri uno stronzo che mi trattava di merda e che non mi meritavi – con tutto quello che ti davo -, poi ho provato vergogna, senso di colpa, stupore per essere stata così ansiosa, ossessiva, ipocondriaca, per averti gettato addosso tutti i miei pensieri sconnessi che indubbiamente ti hanno appesantito e allontanato. Poi, alla fine, di nuovo tristezza, nostalgia, pianto sconsolato, la sensazione di avere una (un’altra) malattia cronica che non passerà mai e che mi accompagnerà sempre, con cui dovrò per sempre convivere. Ora c’è qualcuno a cui interesso, qualcuno che vuole sentirmi, vedermi, e che non ha un briciolo della mia attenzione. Io rivolgo la mia attenzione e i miei pensieri sempre e solo a posti inutili, in cui so già che troverò dolore, forte emozione, ma nulla di concreto, nulla che possa cambiare le cose. E poi, dopo la tristezza e la nostalgia, questa voglia enorme di scriverti che ti voglio bene nonostante tutto, una voglia arginata dalla consapevolezza di essere soltanto un peso per te, e sentirmi un rifiuto umano, e infine una domanda: è mai possibile che sia proprio questa la sensazione che rincorro e che ricerco? Rabbrividirei, se non fosse che è la mia normalità.

Standard
Uncategorized

Rebound.

Sento un grande vuoto, solo un grande vuoto. Lo localizzo all’altezza dello stomaco, e alla fine cedo alla tentazione di riempirlo con materiale anche solo vagamente edibile. Il tuo rifiuto mi ha mostrato il nulla che sono e che è la mia vita, il modo patetico in cui periodicamente torno a cercare un’emozione, mendicandola. Il modo in cui niente di semplice e carino riesce a smuovermi, solo la tempesta, il tormento, quelle stronzate di cui solo chi non ha niente dentro ha bisogno. Sono un corpo dormiente, sempre stanco, pesante, non sento mai niente. Vorrei tornare ad avere desideri, paure, slanci, voglie e disperazioni, vorrei tornare a stare male perché il dolore è l’unica alternativa concessami rispetto al niente e l’unico motore di un mio possibile qualsivoglia agire. Ne ho avuto la prova e a questa evidenza mi arrendo con consapevolezza. Mi giustifico dicendomi che quando l’errore è connaturato a ciò che sei passare tutta la vita a cercare di correggerlo – e annullarsi non è correggersi, ma solo morire – è una lotta impari, destinata a non concludersi mai; vale la pena di accettarsi, lasciarsi andare, non tentare più di correggersi, vivere pienamente il proprio essere un errore. Vorrei tanto poterlo ancora fare.

Standard
Uncategorized

Appunti.

  1. La stanchezza mi ha rubato la possibilità di vivere ancora.
  2. Non sono simile a nessuno.
  3. Il mio corpo è malato e non risponde alle mie intenzioni.
  4. Non sarò mai presa sul serio nella malattia da nessuno, comunque.
  5. Dovrò fare lo stesso ciò che fanno gli altri anche se non ne ho le possibilità.
  6. Non ho talenti nascosti.
  7. Alla fine della vita avrò un’epifania alla Bergman su quanto avrò sprecato la mia vita ma saperlo non serve a evitarlo perché ciò che è malato è malato.
  8. Non amerò né sarò riamata.
  9. Ho sonno e a pensarci è una salvezza che io lo abbia, anzi il problema è la parte restante di tempo che passo da sveglia a fare i conti con quanto sono stanca.
  10. Non ci sarà nessun riscatto, mai, e saperlo non mi cambia nulla.
Standard