Intimisto, Racconti

De-privativo.

1)

<<Ho avuto tanta paura, sai>> gli disse.

<<Di cosa hai avuto paura?>>

<<Prima ho avuto paura di innamorarmi di te, poi che mi abbandonassi dato che mi stavo allontanando, e ora ho paura che tu ti spaventi per ciò che ti sto dicendo e te ne vai>>.

<<Cosa te lo fa pensare?>>

<<Il fatto che non mi guardi mai negli occhi quando sei con me>>

<<Non me ne vado>>

<<Lo so.>>

2)

<<Ho avuto tanta paura, sai>> gli disse.

<<Di cosa hai avuto paura?>>

<<Prima ho avuto paura di innamorarmi di te, poi che mi abbandonassi dato che mi stavo allontanando, e ora ho paura che tu ti spaventi per ciò che ti sto dicendo e te ne vai>>.

<<Cosa te lo fa pensare?>>

<<Il fatto che non mi guardi mai negli occhi quando sei con me>>

<<Non me ne vado>>

<<Succederà, e io mi devo difendere.>>

3)

<<Ho avuto tanta paura, sai>> gli disse.

<<Di cosa hai avuto paura?>>

<<Prima ho avuto paura di innamorarmi di te, poi che mi abbandonassi dato che mi stavo allontanando, e ora ho paura che tu ti spaventi per ciò che ti sto dicendo e te ne vai>>.

<<Cosa te lo fa pensare?>>

<<Il fatto che non mi guardi mai negli occhi quando sei con me>>

<<Hai ragione, è perché ho paura anche io>>

4)

<<Ho avuto tanta paura, sai>> gli disse.

<<Di cosa hai avuto paura?>>

<<Prima ho avuto paura di innamorarmi di te, poi che mi abbandonassi dato che mi stavo allontanando, e ora ho paura che tu ti spaventi per ciò che ti sto dicendo e te ne vai>>.

<<Cosa te lo fa pensare?>>

<<Niente, parlavo a vanvera>>

5)

<<Ho avuto tanta paura, sai>> gli disse.

<<Di cosa hai avuto paura?>>

<<Prima ho avuto paura di innamorarmi di te, poi che mi abbandonassi dato che mi stavo allontanando, e ora ho paura che tu ti spaventi per ciò che ti sto dicendo e te ne vai>>.

<<In effetti,  forse è  meglio se la chiudiamo qui.>>

6)

<<Ho avuto tanta paura, sai>> gli disse.

<<Di cosa hai avuto paura?>>

<<Di niente, stupidaggini. Buonanotte>>

7)

<<Ho avuto tanta paura, sai>> gli disse.

<<Ah sì? Buonanotte.>>

8)

<<Buonanotte.>>

NDR: La quarta regola del decalogo gestaltico recita “Smetti di immaginare, sperimenta”. Secondo la psicologia gestaltica, il contrario del decalogo può considerarsi malattia.

Sono quindi tutti gli scrittori, gli artisti, i musicisti, i sognatori, gli insicuri, i codardi, gli eterni insoddisfatti dei pazzi? (Sì.)

1) Vivi adesso

  2) Vivi qui

  3) Prendi responsabilità dei tuoi pensieri, sentimenti e azioni

  4) Smetti di immaginare: sperimenta

  5) Smetti con il pensiero superfluo

  6) Arrenditi allo sgradevole

  7) Esprimi

  8) Arrenditi ad essere quello che sei

  9) Accetta nessun “devi” o “non devi”, altro che il tuo

  10) Metti attenzione su quello che c’è

Avere una fervida immaginazione può essere molto, molto deleterio.

Annunci
Standard