Uncategorized

Protège moi.

Al netto di tutto, ho imparato questa banale semplificazione: la malattia è difesa, arma, controllo, anestetizzazione; la vita è sentire – per me – totale e non filtrato. Come una valanga che mi cade addosso. Dall’armatura all’assenza di pelle. Entrambe portano ad una pioggia di lacrime, ma così diversa che non è neanche il caso di spiegarlo. Vorrei tanto che qualcuno mi aiutasse a rimanere nella vita e non tornare indietro, non demolire e non ricoprire. Un assistente, una guida esistenziale, uno che protegga da sé stessi in favore della vita, insomma. Uno che mi difenda da me.

Annunci
Standard

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...