Uncategorized

Idealizzazione.

Incontrarti dopo tanto tempo è stato un po’ come guardare un film tratto da un libro che avevo già letto. La scena, i personaggi, le ambientazioni, la storia hanno preso finalmente forma, colore e dettagli più precisi: i tuoi tatuaggi nei minimi particolari, il tuo sguardo acquoso, la sensazione di calore e contatto mentre cammino aggrappata al tuo braccio muscoloso e quella di freddo, disagio e smarrimento nel momento in cui stacco la guancia dalla tua pelle, come se mi avessero tolto di dosso una coperta all’improvviso.
Ma i film ci fanno compagnia sempre per poco tempo, e così hai fatto tu.
Invece i libri durano il tempo che vogliamo noi, e anche l’idea di poterti un giorno incontrare, quella sì che non mi aveva abbandonato mai, e mi aveva reso più sopportabile la prigione quotidiana da cui immaginavo di poter uscire per andare incontro a qualcosa di diverso.
Quindi, adesso, più di te mi manca la tua presenza come idea nella mia vita. Ti ho immaginato così tanto, prima di incontrarti, che l’idea di te mi ha lasciato un segno più forte della tua persona fisica.
“Ti ho immaginato così tanto che oramai perdi realtà.”
 
Ora ho l’idea di te e ho il ricordo di te, perché mai dovresti mancarmi tu?
Annunci
Standard

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...