Uncategorized

Copioni di vita e voluttà di sofferenza.

Che finiscano anche questi 28 giorni, ché la mia sindrome dell’abbandono, di questi tempi, è ai livelli per cui ho litigato con il gatto perché da giorni ha smesso di venire a trovarmi e va a trovare mia zia. E diciamocelo, che questo gatto è l’ulteriore conferma del mio copione da rifiuto, e infatti è tale e quale a te: mi fa le fusa e mi convince che ci amiamo, e poi sparisce e mi lascia confusa a chiedermi che ho fatto di sbagliato. Ma io secondo me non sono innamorata di te ma della sofferenza del non essere corrisposta, diciamocelo, forse anche della tua assenza. Infatti, quando c’eri non ti amavo così tanto.

Io desidero essere ingannata in amore per poterne soffrire meglio. O com’era quella frase di Cioran che non trovo più.
Avevo 15 anni scarsi quando il mio letterato papà mi diagnosticò la voluptas dolendi, prima ancora di ogni altra diagnosi clinica. Ma come guarisci dalla malattia se la malattia è ciò che ti dà la vita?

Annunci
Standard

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...